APECS ITALIA

BOARD NAZIONALE

Il Board Nazionale Italiano è composto da 8 dottorandi di diverse università italiane

traversa_giacomo3

Giacomo

Presidente

DSCF4242 - Copy (3)

Francesco

Segretario

prova

Pier Paolo

Membro del board

img

Claudio

Membro del board

bainco_elena_2

Elena

Membro del board

damico_marianna_2

Marianna

Membro del board

49115896_10210261514374489_5307359059819626496_nscsaca

Alice

Membro del board

tenti_martina_2

Martina

Membro del board

Presidente GIACOMO TRAVERSA

Dottorando: 2° anno in Scienze e Tecnologie Ambientali, Geologiche e Polari. Università di Siena.

Campi di ricerca: Glaciologia, Telerilevamento

Laureato in Scienze Naturali, presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi sull’albedo antartico da telerilevamento, durante il dottorato si occupa dell’analisi delle aree di ablazione in Antartide, sempre a distanza, con particolare interesse su aree eoliche, megadune e ghiaccio blu.

Segretario Francesco De Rovere

Dottorando: 2° anno in Scienze Polari, Università Ca’ Foscari Venezia
Campi di ricerca: Oceanografia artica
Laureato in Scienze Ambientali presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Il suo progetto di dottorato si concentra sull’analisi dei dati oceanografici e atmosferici acquisiti a Kongsfjorden (Svalbard) per valutarne la transizione da un fiordo artico a uno atlantico.

Membro del board Pier Paolo Alfei

Dottorando: 1° anno in Istituzioni e Politica, Università Cattolica di Milano

Campi di ricerca: Storia delle Relazioni Internazionali

Il suo progetto di dottorato si concentra sul ruolo svolto dall’Italia nell’esplorazione dell’Artico, con particolare riguardo al rapporto tra spedizioni polari e diplomazia.

Membro del board Claudio Artoni

Dottorando: 2° anno in Scienze Polari. Università Ca’ Foscari di Venezia

Campi di ricerca: Scienza della neve, Glaciologia

Claudio ha una laurea magistrale in Scienze della Terra ed è un osservatore professionista del manto nevoso. Il suo progetto di dottorato si concentra sulle proprietà ottiche della polvere minerale nelle carote di neve e ghiaccio. Attualmente sta lavorando alle Svalbard, nelle Alpi (progetto OPTICE) e in Antartide (traversata EAIIST). Ambasciatore del progetto scientifico cittadino Community Snow Observations.

Membro del board elena bianco

Dottoranda: 2° anno in Scienze Polari. Università Ca’ Foscari di Venezia

Campi di ricerca: Climate Dynamics, Sea Ice

Ha conseguito un Master presso l’Università dell’East Anglia con una tesi sulle condizioni del ghiaccio marino nel passaggio a nord-ovest. Il suo dottorato di ricerca è in collaborazione con la divisione di ricerca Ocean Modeling and Data Assimilation (ODA) presso il CMCC di Bologna e si concentra sulla variabilità del ghiaccio marino artico e sulle sue interazioni con l’atmosfera e l’oceano su scale temporali brevi.

Membro del board marianna d'amico

Dottoranda: 2° anno in Scienze Polari. Università Ca’ Foscari di Venezia

Campi di ricerca: contaminanti nelle regioni polari

È una geologa con un M.Sc. in Cambiamento climatico presso l’Università di Copenhagen e un Master in Rischio Ambientale presso la Technical University di Madrid. Il suo progetto di dottorato si concentra sulla presenza, il trasporto e il destino di contaminanti emergenti in diverse matrici nelle regioni polari.

Membro del board Alice Guzzi

Dottoranda: 2° anno in Scienze e Tecnologie Ambientali, Geologiche e Polari. Università di Siena.

Campi di ricerca: Ecologia Marina

Laureato in Scienze del Mare, presso l’Università degli Studi di Genova. Durante il dottorato lavora sugli echinodermi antartici utilizzando un approccio morfologico e molecolare e analizza l’evoluzione convergente e la diversità criptica negli ofiuroidi.

Membro del board Martina tenti

Dottoranda: 2° anno in Scienze Polari. Università Ca’ Foscari di Venezia

Campi di ricerca: Geofisica, Geomorfologia Polare

Laureato in Esplorazione e Geofisica Applicata, presso l’Università di Pisa. Il suo progetto di dottorato si concentra sull’elaborazione e l’interpretazione di dati geofisici per rilevare strutture geomorfologiche formate sul fondo del mare durante le fasi di avanzamento e ritiro della calotta antartica dopo l’ultimo massimo glaciale.